canto liturgico

messenger

Iscriviti alla nostra newsletter

Non siamo una scuola, non siamo un’accademia di canto liturgico, siamo un laboratorio musicale. Cosa significa?

Vogliamo istruire i nostri iscritti con i migliori docenti ponendo attenzione ai valori ed alle qualità personali, mantenendo calore, amore per questa materia. Il canto non è solo tecnica, seppur necessaria.

E’ anche la voce della nostra anima. ”Canta, chi ama!

 

Leggi le recensioni →

info@musicaliturgicalab.it

Compila il form →

La corale di chiesa: alcuni interrogativi

2022-04-05 16:48

don Antonio Parisi

News,

La corale di chiesa: alcuni interrogativi

Negli anni passati (anni 70-80) la corale veniva definita come “un sacerdozio culturale e artistico”, oppure “scuola d’arte del popolo incolto”. Ed og

Negli anni passati (anni 70-80) la corale veniva definita come “un sacerdozio culturale e artistico”, oppure “scuola d’arte del popolo incolto”.
 

Ed oggi?

 

– La corale di chiesa è preparata ad affrontare oggi il cambiamento di prospettiva in cui il cantare insieme è sempre più raro e si sviluppa la musica dei giovani, la musica pop…? 

– Cinquanta o cent’anni fa nelle chiese si cantavano gli stessi canti latini e gregoriani, dal Nord al Sud dell’Italia, ed oggi è così?

 – Compito della Liturgia è la formazione musicale dei fedeli? Se la corale canta un repertorio storico e tipico del passato all’interno della liturgia, non si corre il pericolo di accostare la Liturgia a un retroterra musicale lontano e storicizzante?

 – In Chiesa abbiamo la presenza di un ascoltatore a-musicale o anti-musicale; quali strategie per un loro coinvolgimento?

 – L’ascoltatore che desidera ascoltare delle opere di musica sacra in maniera artistica, non preferirà ascoltarle in concerto con dei cantori professionisti, piuttosto che ascoltare un insieme di dilettanti?

 

– L’ultima domanda decisiva: le corali sono ancora necessarie per una buona celebrazione liturgica?
 

Il futuro musicista di chiesa sarà un tecnico, un regista piuttosto che un musico o un interprete?

 – La risposta la dà l’istruzione del 1967 sulla Musica nella Liturgia, quando afferma che la corale in chiesa è indispensabile e vi svolge un vero ministero ecclesiale. Ma ad una sola condizione, che si metta a servizio del rito e dell’assemblea, che si integri con l’assemblea e che non diventi un gruppo isolato e autonomo.

 

La conclusione: la preghiera liturgica ha ancora bisogno della corale.

 

Don Antonio Parisi


facebook
instagram

© Musica Liturgica Lab P.IVA 04165980758. Tutti i diritti sono riservati. Privacy policy. Termini e condizioni, Sito Web by Pronto Studios

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder